La parodontologia




 

È un ramo dell’odontoiatria che si dedica di ciò che sostiene il dente, ovvero gengiva, legamento parodontale e l’osso.

Le malattie parodontale sono quelle che vanno a danneggiare i tessuti provocando la caduta dei denti stessi. Oggi giorno queste patologie possono essere curate, e grazie a moderne protesi anche gli effetti della malattia possono essere combattuti e superati.

Le cause sono nella maggior parte dei casi dovuti a infezioni di carattere batterico, che come precedentemente detto va ad attaccare ciò che sostiene il dente. Tutto questo può essere causato dalla mancanza o inadeguata pulizia dentale, ma anche in altri casi un aiuto può essere dato da un’immunodepressione che abbassando le nostre normali difese non permette all’organismo di combattere l’infezione.

Possiamo raggruppare in due grandi tipi queste patologie:

Gengivite

Probabilmente la più diffusa, da come sintomo il sanguinamento gengivale mentre spazzoliamo i denti. La causa è un eccessivo accumulo di batteri sulla superficie della gengiva che rigonfiandosi per l’infezione provoca dolore e appunto sanguinamento.

 

Parodontite

Questa tipologia affetta non soltanto a livello superficiale ma col passare del tempo va ad intaccare le fondamenta del dente, creando sempre più spazio per la proliferazione dei batteri.

Come nella gengivite i sintomi sono praticamente identici, e non essendo ritenuti sempre gravi si tende a non farci caso. È importante dunque la visita annuale con il proprio dentista per controllare e in caso curare subito questa malattia.

Per curare queste patologie è necessario in primis rimuovere la fonte dell’infezione, in questo caso la placca batterica. In casi più gravi va prescritta una cura antibiotica o addirittura eseguito un piccolo intervento chirurgico.

Per prevenirle è necessario seguire i consueti consigli, ovvero mantenere uno stile di vita sano, limitando il caffè, zuccheri e fumo. Poi eseguire una pulizia approfondita e curata ogni giorno con spazzolino, filo interdentale e collutorio.

Lascia un Commento