Le faccette dentali, cosa sono e quando vengono utilizzate




Le faccette dentali sono delle placchette in ceramica che vengono utilizzate dai dentisti che ricoprire i denti con lo scopo di migliorare la parte estetica dello stesso, come la forma, colore e struttura. Dunque sono utilizzate in casi in cui il paziente abbia la necessità di migliorare la propria dentatura senza grossi interventi, in tempi rapidi e duraturi. Possiamo trovare un’analogia nelle unghie finte.

Quando vengono utilizzate?

Come detto in precedenza vengono utilizzate per ricoprire difetti, ma un utilizzo molto frequente è anche quando si presentano problemi di natura congenita che preclude il corretto processo di masticazione come nel caso di denti storti o scheggiati. Infatti questa procedura che prevede che le faccette vengano incollate ai denti garantisce una solidità e durata che fanno sì che siano una soluzione molto utilizzata.

Ma sono tutte uguali?

La risposta veloce è NO. Infatti come per ogni problema c’è una soluzione specifica, anche per le faccette è lo stesso. Quindi possiamo trovare di spessore e lunghezza differenti. Di solito questi parametri vengono determinati dal dente in cui verranno incollate. Il materiale può variare tra ceramica o porcellana, ma essendo tutti due materiali di grande fragilità vi è richiesto una cura e precisione chirurgica nella loro applicazione. Tuttavia vi sono anche di materiali meno costosi che permettono ai pazienti meno abbienti o con esigenze minori di realizzare un lavoro tutto sommato buono. Il problema è chiaramente la durata delle faccette ma anche del risultato. Questi materiali sono anche utilizzati per le otturazioni.

Procedura per l’applicazione

Di solito avviene in due sedute. Durante la prima i denti vengono preparati attraverso la limatura, dopodiché viene fatto lo stampo e scelto il colore più simile al dente dove si va ad incollare. Nella seconda seduta invece viene applicata la faccetta preparata in pretendenza. I tempi sono molto veloci e da subito il paziente potrà beneficiare del lavoro svolto.

Lascia un Commento